I Transiti, nella vita di tutti noi!

Ladies and Gentlemen,
Mi chiamo Edward Smith e sono diventato famoso perché ero il Capitano del Titanic, l’Inaffondabile che il 14 Aprile 1912 s inabissò dopo un fatale scontro contro un iceberg.
Vi chiederete che cosa ci faccio qui: Grazia Mirti, in occasione del suo Seminario sui Transiti, tenuto domenica 9 Giugno 2019 a Torino, ha raccolto molti esempi (e dati) inediti, e quando ho saputo dell’iniziativa mi sono proposto, anzi intrufolato, perché la mia storia e quelle che vi racconterò sono veramente molto interessanti dal punto di vista astrologico. Ecco la mia Carta del Cielo:

Carta del Cielo di Edward Smith, nato il 27 Gennaio 1850 alle 17 e 10 ad Hanley (Gran Bretagna)

Acquario Ascendente Leone (avevo una barba curatissima, leonina!), ho sempre attribuito particolare importanza a Nettuno in Ottava Casa: il mare è sempre stata la mia vita, ho viaggiato in lungo e in largo, e Urano al Medio Cielo è espressione delle navi moderne e all’avanguardia che ho avuto il privilegio di condurre.
Andando indietro nei ricordi, devo ammettere che ci fu un presagio, se vogliamo chiamarlo cosi, di eventi che forse all’epoca non ho saputo (o voluto) interpretare, e che con il senno di poi posso decifrare come avvisi uraniani, che avrebbero cambiato in modo definitivo il mio destino e quello di migliaia di persone.
Dovete sapere, infatti, che Il 20 settembre 1911, 6 mesi prima della traversata del Titanic, ebbi una disavventura: una collisione con una nave da guerra. Essa provocò l'allagamento di due compartimenti dell'Olympic, di cui ero Capitano. Non ci furono né morti, né feriti.

Transiti del 20 Settembre 1911 sulla Carta del Cielo di Edward Smith

I Transiti di quel giorno registrano la presenza della Luna sul mio Nodo della Luna Natale e il transito del Nodo della Luna su Plutone natale, entrambi al Medio Cielo. Passaggi benefici, che hanno esercitato un ruolo protettivo per quella che poteva trasformarsi in una vera e propria disgrazia. Vi prego di notare la posizione di Urano, in quel momento: il Pianeta degli imprevisti si trovava a 25° del Segno del Capricorno, in dirittura d’arrivo per il grande salto nel Segno dell’Acquario, dove nella mia Carta del Cielo si trovano il Sole e più avanti Mercurio. Era tempo di grandi cambiamenti, ma io non lo sapevo ancora.

Il 30 Gennaio 1912, alle ore 22 e 41 GMT, tre giorni dopo il mio compleanno, Urano arriva in Acquario. Ecco il transito:

Giove in Sagittario in Quinta Casa è forse simbolo della traversata più importante della mia carriera, che avrei compiuto di lì a breve; Lilith cammina su Lilith natale, indizio di qualche pericolo in vista; Urano è a 00° e 00’ in Acquario e si oppone alla mia Luna di nascita. Saturno in Toro, in Decima Casa, forse è espressione di un viaggio con il quale volevo chiudere in bellezza la mia carriera, perché così sarebbe stato, se tutto fosse andato nel migliore dei modi.

Pochi mesi dopo, andai incontro al mio destino.
Fui molto felice il giorno della partenza del Titanic, non si parlava d’altro, in tutto il mondo, di quell’hotel di lusso che avrebbe portato dall’Europa all’America personaggi illustri di ogni nazionalità. Portai anche il mio cane in viaggio, eccoci in una fotografia scattata poco prima di lasciare il porto di Southampton.

Il 10 Aprile 1912 alle ore 12 e 00 la nave salpa!
La Luna è su Venere (anche se preceduta da Lilith), ed è una giornata di grande festa, come potrete immaginare. Tutti i giornali parlano del Titanic e di me, fatto che mi lusinga non poco. Guardate Urano che è vicino al Sole in Acquario, e al tempo stesso il Sole di transito che è sul mio Urano di nascita: non mancheranno gli imprevisti, questo è sicuro!
A posteriori, trovo lievemente inquietante Mercurio di Transito che è abbracciato al mio Plutone di nascita: si preparava forse, il Messaggero stellare, a svolgere la sua funzione di Psicopompo?

                        Transiti del 10 Aprile 1912 alle ore 12 sulla Carta del Cielo di Edward Smith

Il 14 Aprile alle 23 e 40 il Titanic si scontra con l’iceberg. Da questo momento in poi tutti capiremo che siamo perduti, e che non ci sono possibilità, se non per pochi, di raggiungere la salvezza. Non certo per me, come vuole la legge del mare, che vuole che io sia l’ultimo a scendere, dopo aver messo al sicuro tutti.
Sono passati solo 4 giorni dalla partenza, eppure guardate come è cambiato il Cielo:

Transiti del 14 Aprile 1912 alle ore 23 e 40 sulla Carta del Cielo di Edward Smith

La Luna è in Pesci, espressione degli abissi, del fretto, di un mistero nettuniano che avvolge l’intera vicenda; Venere è sul mio Saturno di nascita, e il Sole, che al momento della partenza si trovava su Urano, ha camminato fino a raggiungere la congiunzione di Mercurio (di transito) su Plutone natale.

La Luna è in Pesci, espressione degli abissi, del fretto, di un mistero nettuniano che avvolge l’intera vicenda; Venere è sul mio Saturno di nascita, e il Sole, che al momento della partenza si trovava su Urano, ha camminato fino a raggiungere la congiunzione di Mercurio (di transito) su Plutone natale.

Vi propongo il mio Tema Progresso per l’anno 1912: 

Tema Progresso – Anno 1912 – Edward Smith

Nella corona circolare esterna trovate i Pianeti della mia nascita, in quella interna i Pianeti Progressi: come vedrete bene, il mio Sole di nascita in Acquario ha camminato fino al Segno dell’Ariete, strettamente congiunto a Saturno e Venere. Marte in Gemelli è al Medio Cielo (lo scontro con l’iceberg?), seguito da Marte Progresso in Cancro e la Luna Progressa si trova in Scorpione in Terza Casa, presagio di eventi plutoniani, e del viaggio verso gli abissi.
Le presenze di Acqua non sono posizionate positivamente, e questo è certamente curioso se consideriamo che l’Acqua era il mio elemento di realizzazione.

I Transiti della collisione sul Tema Progresso sono ancora più esplicativi: 

 Transiti del 14 Aprile 1912 alle ore 23 e 40 sul Tema Progresso 1912 di Edward Smith

La Luna è su Mercurio, entrambi in Pesci: i bambini che si salvano, ma anche il ghiaccio, e la nave che scompare, negli abissi dell’oceano.
La concentrazione arietina è poco favorevole, specialmente se consideriamo che il Sole si trova al grado sul mio Urano progresso: esattamente come nei Temi precedenti, il pianeta dell’imprevisto gioca un ruolo-chiave, quasi ad inseguire i miei Pianeti e creando lo scenario che era impensabile per tutti noi. Giove è molto vicino al Fondo Cielo, espressione forse di quel magnifico Hotel che è destinato a riposare nelle profondità del mare, mai riportato alla luce a causa dell’opposizione a Plutone. Saturno in Toro si oppone nel suo passaggio alla Luna Progressa in Acquario: l’asse Toro-Scorpione rivela il disastro economico che seguì l’affondamento e al tempo stesso le persone disperse, e la mia immagine, che resterà sempre impigliata in un evento tragico.

Devo ammettere che non ricordo dove mi trovavo il giorno del compleanno che ha preceduto la partenza del Titanic, tuttavia per puro e piacevole bizantinismo, vi propongo i Transiti sulla Rivoluzione Solare del 2012:

Transiti del 14 Aprile 1912 alle ore 23 e 40 sulla Rivoluzione Solare 1912 di Edward Smith

Anche se non consideriamo la Domificazione, e ci limitiamo ad osservare le geometrie stellari, non può sfuggire ad un occhio attento la Luna di Rivoluzione in Encadrement tra Saturno e Marte, su cui si posiziona Saturno, privativo e triste. Urano è già in Acquario, molto vicino al mio Sole. Credetemi se vi dico che, se mi avessero detto che sarebbe successo tutto quello che già conoscete, non lo avrei ritenuto possibile!

Tutti volevano salpare sul Titanic: il battage pubblicitario fu, considerato che stiamo parlando di oltre 100 anni fa, incredibile. Ci furono personaggi famosi, miliardari, prestigiose celebrità che fecero parte della schiera dei dispersi.

Tra questi, voglio raccontarvi forse la più bella e grande storia d’amore cui ho avuto l’onore di assistere, quella tra Ida e Isidor Straus.
Ogni volta che penso a loro, che riposano con me nel fondo dell’oceano, mi viene in mente Alessandro Baricco:
‘‘Due pezzi di puzzle. Fatti l’uno per l’altro. Da qualche parte del cielo un vecchio Signore, in quell’istante, li aveva finalmente ritrovati. “Diavolo! Lo dicevo Io che non potevano essere scomparsi”.

Ida e Isidor Straus erano una coppia da fare invidia a chiunque.
Isidor aveva creato un vero e proprio impero finanziario, fondando i magazzini Macy’s, negli Stati Uniti, che sono bene espressi da Marte al Fondo Cielo in Capricorno e dal Sole in Acquario di nascita di Ida, che era nata con una magnifica congiunzione di Giove alla Luna in Leone, non distante dalla mia Luna natale. Sarà per questo, forse, che parlo di lei, perché è stata una donna coraggiosa che non ha avuto dubbi sulle scelte da compiere, andando incontro al suo destino.

 

 Carta del Cielo di Ida Straus, nata il 6 Febbraio 1849 alle ore 22 a Worms (Germania)

Se osserviamo il suo Tema di Luna Nuova Prenatale, notiamo immediatamente come il Sole, che nella Carta del Cielo si trova a 18° Acquario, si colloca a 4°, quindi coinvolto nel Transito di Urano, che come vi ho già anticipato, entro nel Segno il 30 Gennaio 1912. Anche per Ida c’erano all’orizzonte grandi cambiamenti, specialmente per quanto riguardava il suo Sole, Isidor.

Luna Nuova Prenatale di Ida Straus – 24 Gennaio 1849 Ore 10 e 03 GMT a Worms

Quando, a seguito della collisione del Titanic, venne il momento di far salire donne e bambini sulle scialuppe, Ida fu irremovibile: di fronte alla possibilità, solo per lei, di salvarsi, lei non volle sentir ragioni. A quel punto gli alti ufficiali decisero di fare uno strappo alle regole e acconsentirono al fatto che Isidor seguisse la moglie.
Ma l'uomo si rifiutò. Non gli sembrava giusto essere trattato diversamente dagli altri, decise di lasciare il proprio posto a qualcuno che avesse più bisogno di lui. Si voltò quindi verso la moglie per darle un ultimo saluto.
"Abbiamo vissuto insieme per così tanti anni. Dove vai tu, vado anch'io", gli rispose Ida.

Ecco i Transiti del 15 Aprile 1912 alle ore 2 e 30, quando il Titanic si inabissa: Ida ha Nettuno al Medio Cielo (il mare, i suoi segreti, gli abissi), il Sole che al momento della partenza da Southampton era su Urano natale e in quel momento si trovava su Plutone; la Luna che era vicinissima a Saturno, e Venere che era abbracciata su Venere, l’amore prima di tutto.

Transiti del 15 Aprile 1912 alle ore 2 e 30 sulla Carta del Cielo di Ida Straus

 Se osserviamo i medesimi Transiti sul Tema di Luna Nuova Prenatale, ecco che Urano spicca, come Pianeta più in alto di tutti, sul Sole e la Luna:

Transiti del 15 Aprile 1912 alle ore 2 e 30 sul Tema di Luna Nuova Prenatale di Ida Straus

Il Tema Progresso del 1912 mostra, ancora una volta, Urano in prima linea, data la Congiunzione in Ariete tra il Pianeta e il Sole:

Tema Progresso 1912 di Ida Straus

Particolarmente insidiosa la Congiunzione di Marte e Nettuno in Pesci in Terza Casa, come del resto Lilith in Sagittario: i viaggi potevano rappresentare un pericolo!
Sono molte le similitudini con le Carte Celesti che vi ho proposto, relativamente alla mia persona: anche Ida aveva la Luna Scorpione nel Tema Progresso, e posizioni preponderanti di Urano.

Per finire, i Transiti sul suo Tema Progresso: 

Transiti del 15 Aprile 1912 alle ore 2 e 30 sul Tema Progresso 1912 di Ida Straus

Emerge immediatamente il groviglio arietino in Quinta Casa: il palcoscenico della vita si colora tristemente, anche se la Luna è su Mercurio, pur essendo questo seguito da Saturno.
Il Sole è veramente bersagliato da Urano nei Temi di Ida, espressione chiara del fatto che suo marito non poteva accedere alle scialuppe, come vuole la legge della navigazione, e conseguentemente lei decide, da Acquario imprevedibile, di restare accanto a lui. Il Nodo della Luna, così in alto, nel suo Transito al Medio Cielo Progresso rivela bene come il legame tra queste due creature che si erano amate moltissimo, non si potesse spezzare, neppure tra le onde del destino!

Ma non è finita qui, perché approfitto di questo momento di gloria per raccontarvi un’altra storia, quella di John Jacob Astor IV, che costruì i famosi alberghi St. Regis e Knickerbocker di New York e fu proprietario del celebre Waldorf-Astoria Hotel.

Carta del Cielo di John Jacob Astor IV, natoil 13 Maggio 1864 alle ore 00 e 30 a Rhinebeck (USA)

John Jacob fu protagonista di un enorme scandalo, considerando l’epoca, perché decise di divorziare dalla prima moglie, Ava Lowle, per sposarsi con una ragazza diciottenne, Madeleine Force, di cui si era innamorato follemente

John e Ava divorziarono il 5 marzo 1910. Ecco i Transiti della libertà!

Transiti del 5 Marzo 1910 sulla Carta del Cielo di John Jacob Astor IV

Giove transitava in Settima Casa su Saturno natale (il divorzio, per potersi successivamente accasare), seguito da Lilith in Ottava Casa, espressione di una situazione che alimenta pettegolezzi, e precedendo l’Ottava Casa, presagisce i costi di mantenimento alla ex-moglie. La Luna al Medio Cielo spiega bene come tutti parlino di questa fanciulla che gli ha fatto perdere la testa, e Marte in Toro in Seconda Casa conferma i rischi finanziari legati al divorzio.

Il secondo matrimonio fu celebrato l’anno successivo, il 9 settembre 1911. Ecco i Transiti del secondo matrimonio:

 Transiti del 9 Settembre 1911 sulla Carta del Cielo di John Jacob IV

L’alta società non lo gradì l’unione, che nei primi mesi fu caratterizzata da una sorta di emarginazione sociale, come esprime bene il transito di Marte su Mercurio. Lilith è al Medio Cielo, si tratta di una unione che scatena le malelingue, anche se Venere sulla cuspide della Settima Casa indica che lui non si cura molto del parere altrui. Del resto, era nato con una Congiunzione di Urano al Sole, che lo rendeva anticonformista!
Si noti la Luna in Pesci, i due si sposano con una Luna Piena calante, espressione della grande diversità di carattere (e di estrazione sociale) e del fatto che lui, Sole e Mercurio in Vergine seguiti da Mercurio, porta con sé il solido patrimonio, lei con la Luna in Dodicesima Casa, doppiamente cosignificante dunque del Segno dei Pesci, lo ammalia, in modo nettuniano.

Astor decise, per sfuggire ai pettegolezzi e calmare le acque, di spostarsi con la neo-moglie Madeleine in Europa, organizzando un lunghissimo viaggio di nozze, durante il quale lei rimase incinta.

Quale occasione migliore, se non partire sul Titanic, per ritornare a New York in modo trionfale?

I Transiti del giorno della partenza registrano Giove, che in Sagittario in Nona Casa, aveva caratterizzato un anno di viaggi, in lungo e in largo, con particolare soddisfazione. La Luna è in Encadrement tra Lilith e Urano: da un lato Madeleine, in dolce attesa, e la conseguente preoccupazione nell’affrontare una traversata, e dall’altro la presenza di Urano, che anticipa un viaggio che porterà con sé molte sorprese. Venere all’Ascendente in Pesci predispone bene l’animo in vista del ritorno a casa, dopo molti mesi.

Transiti del 10 Aprile 1912 alle ore 12 sulla Carta del Cielo di John Jacob IV 

Dopo la collisione del Titanic contro l’iceberg, Madeleine venne imbarcata su una lancia di salvataggio, salvandosi. Astor rimase a bordo e morì, insieme ad altre centinaia di persone.Il suo corpo sfigurato fu ripescato il 22 aprile e identificato grazie alle iniziali J.J.A. sotto il colletto della camicia.

Analizziamo i Transiti del 15 Aprile 1912 alle ore 02 e 30, quando il Titanic si inabissò, e quelli del 22 Aprile 1912, quando il corpo venne ritrovato.

 

Transiti del 15 Aprile 1912 alle ore 02 e 30 sulla Carta del Cielo di John Jacob IV


La Luna transita nel Segno dei Pesci (ribadendo la medesima posizione del momento del matrimonio, nel quale la Luna si trovava in Pesci e il Sole in Vergine). Plutone acquisisce un significato, a posteriori, affacciato sulla Quarta Casa, che è secondo gli antichi ‘la faccia della morte’. Marte in Cancro è in Trigono alla Luna in Pesci e Giove in Scorpione: lei si salva.

Il ritrovamento del corpo avviene il 22 aprile, quando la Luna ha camminato fino a raggiungere Plutone, superandolo, e andandosi a collocare vicino a Marte in Cancro. Le presenze arietine, Venere, Mercurio e Nodo della Luna in Ariete, su Marte natale, indicano il volto sfigurato, essendo questo Segno corrispondente alla testa.

Transiti del 22 Aprile 1912 alle ore 02 e 30 sulla Carta del Cielo di John Jacob IV

E Madeleine, giovane vedova (Luna vicina a Marte in Cancro in Quarta Casa)?

Il 14 Agosto 1912 alle ore 08 e 15 a New York John Jacob Astor VI vede la luce.
Ecco la sua Carta del Cielo: 

Carta del Cielo di John Jacob Astor VI, nato il 14 Agosto 1912 alle ore 08 e 15 a New York

Il Sole in Leone esprime la figura paterna importante, e anche l’ottima estrazione sociale della famiglia di origine. Venere, Mercurio, Luna e Marte in Vergine indicano le traversie della figura materna, che certamente ha vissuto molto a lungo, forse per sempre, il trauma della tragedia. Plutone è il Pianeta più in alto di tutti, eventi plutoniani precedenti alla nascita di questa creatura ne hanno condizionato, inevitabilmente, l’esistenza.

Se eseguiamo i Transiti della nascita del piccolo sulla Carta del Cielo, non possiamo non notare che Saturno di Transito è su Mercurio di nascita del padre: il destino non rende possibile di stare insieme, con qualche rimpianto karmico!

Transiti del 14 Agosto 1912 alle ore 8 e 15 sulla Carta del Cielo di John Jacob Astor IV

Come vedete, cari Amici, gli aneddoti e le rispondenze astrologiche non mancano.
Le mie ultime parole, pare, siano state: ‘Addio gente! Sto per seguire la nave! Ora ognuno pensi per sé.

Lascio la parola a Grazia Mirti, ringraziandovi per il paziente ascolto!
Sempre vostro, Capitano Smith

Miei Cari Amici delle Stelle,
l’incredibile storia del Titanic conferma che la realtà supera l’immaginazione, nella vita di ogni giorno, per tutti noi. I Transiti, ossia i movimenti dei Pianeti in un determinato momento, ci aiutano ad interpretare (a posteriori, nella maggior parte dei casi), eventi che hanno segnato, positivamente o negativamente, il nostro cammino evolutivo.
Il caso del Capitano Smith è stato oggetto di analisi da parte mia in occasione del Convegno Astrologico Torinese, che si è tenuto – con nostra grande gioia, come ogni anno – nella nostra Torino.
Quest’anno ho voluto dare una impostazione differente: la documentazione scritta, che si compone di 65 pagine, ripercorre una parte iniziale sul concetto di Transito, e successivamente tratta tutti i Transiti dei Pianeti sulle Case Astrologiche e sui Segni Zodiacali. Il mio scopo è stato quello di dare ai partecipanti un supporto interpretativo generale, da consultare quando se ne presenti l’occasione.
Naturalmente nel testo ci sono diversi esempi, ma strutturando cosi il lavoro ho privilegiato nel corso del Seminario la parte interpretativa. Abbiamo analizzato moltissimi casi, quello che vi ha appena raccontato il Capitano Smith, e spaziato tra Economia, Politica, Finanza, Gossip. Tra i casi più interessanti, con relativi transiti che abbiamo commentato opportunamente, David Rossi, Marco Vannini, Elisa Claps, Serena Mollicone, Urbano Cairo e la scalata RCS, Italo e la sua storia sui binari, e ancora Claretta e Benito e il loro primo incontro, il pensionamento della Lira, Nadine de Rotschild che ha sposato un milionario, il crollo della Borsa del 1929, e molti altri ancora!
Interpretare i Transiti è tutt’altro che semplice, e l’interpretazione su casi famosi è di grande aiuto, sempre ricordando che le sfumature sono molteplici e non abbiamo (per fortuna!) la sfera di cristallo!
Se desiderate ricevere la documentazione completa del Seminario, unitamente alla registrazione di tutti i commenti esaminati (con tutti i grafici), non avete che da scrivermi ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Che i Transiti siano per voi sempre propizi!

Grazia Mirti

I Transiti nella vita di tutti noi: una lunga esperienza tra Borse, Aziende, Paesi, i destini di uno e di molti
Documentazione e registrazione con grafici
Euro 35 comprensive delle spese di spedizione per piego di libro raccomandato