Benvenuti nel 2019!

Miei cari Amici delle Stelle,
eccomi a proporvi il Seminario sulle Previsioni del 2019 che ho tenuto il 2 dicembre 2018 a Torino, nel corso del quale abbiamo analizzato i movimenti dei Pianeti in Cielo nel 2019. Mi auguro che possa essere per voi un utile spunto interpretativo, augurandovi il Meglio dalle Stelle!

Premessa importante: Prima di partire per il nostro viaggio celestiale desidero ricordare che queste valutazioni hanno carattere oggettivo, si riferiscono cioè a tutto il mondo o a una ben delimitata parte geografica. Da sempre attiro l’attenzione sul valore soggettivo dell’Astrologia. A titolo di esempio ritengo infatti che per guadagnare occorra sempre poter contare su transiti personali beneauguranti, al di là di quelli collettivi. Prova ne sia che nei momenti di grande recessione vi sono pur sempre coloro che riescono ad arricchirsi, incoraggiati dalle configurazioni del loro tema personale di nascita.

Plutone, il guardiano della Galassia, il pianeta più lontano tra quelli oggi conosciuti del sistema solare, impiega 240 anni per percorrere tutto lo Zodiaco, 20 anni in media per segno, ha lasciato definitivamente il Sagittario per il successivo Capricorno il 27 novembre 2008. Resterà in Capricorno fino al 2024. Va segnalato che era transitato l’ultima volta in Capricorno, tra il 1762 e il 1778... il cambiamento di segno di questo pianeta ha assunto una caratteristica epocale in quanto il suo precedente passaggio in Capricorno risale a un periodo così lontano da non poter consentire analogie interpretative, se si esclude una lotta per il potere già presente negli ultimi decenni del secolo XVIII. Inoltre secondo una teoria astrologica piuttosto diffusa l’effetto di un pianeta scoperto di recente (per Plutone si tratta degli anni ’30 del secolo XX) non avrebbe la medesima efficacia nei periodi precedenti alla sua scoperta. In altri termini ciascun pianeta riflette modelli di vita impensabili in passato, cosicché alcuni ritengono che inserire i pianeti transaturniani (Urano, Nettuno, Plutone) nel tema di nascita degli antichi non avrebbe senso, simboleggiando i tre corpi celesti quella che definisco una ’società a responsabilità illimitata’ circa tecnologia (Urano), chimica, rifiuti e veleni (Nettuno) ed energia atomica (Plutone). Che senso avrebbe inserire il pianeta della tecnologia nel tema natale di antichi personaggi storici? Risulta così di estremo interesse osservare gli effetti della presenza di Plutone in Capricorno, nel quale sosta da fine 2008, offrendoci effetti che non sono passati inosservati! Ciascun segno simboleggia un settore specifico in senso economico finanziario. Il Capricorno è simbolo di potere, ambizione, strategie mondiali, governo, in questo caso del mondo. E’ simbolo di ‘trasformazione’: la nostra vita muta costantemente!! Un segnale che la leadership internazionale potrà mutare negli anni a venire e assisteremo a una lotta conflittuale a livello mondiale, della quale abbiamo già verificato alcuni punti di partenza attraverso gli eventi accaduti negli ultimi anni e in particolare nel secondo decennio del XXI secolo nel quale stiamo vivendo ora. Oggi possiamo tranquillamente osservare che la provocatoria copertina del giornale astrologico inglese stampato nel 2008 preannunciante la ‘morte del capitalismo’ era perfettamente fondata…quanto meno nella mente di fondamentalisti spregiudicati e pronti ad omicidi collettivi, dall’altra parte di finanzieri senza scrupoli pronti all’arrembaggio dei risparmi collettivi con cinismo e distacco.

Plutone inizia l’anno 2019 a 20°35’ Capricorno, prosegue con moto diretto fino al 23 aprile, retrogrado successivamente fino al 2 ottobre, conclude l’anno con moto diretto a 22°21’ Capricorno. Si capisce di qui la grande lentezza con la quale il pianeta si muove in cielo, considerando che percorre circa 2° di eclittica, mediamente ogni anno, impiegando 245 anni per completare tutto un giro dello Zodiaco. Secondo l’antica ripartizione dello Zodiaco in Decani (36 da 10° l’uno) il primo decano del Capricorno è governato da Giove, pianeta simbolo di religione, politica, organizzazione. Nel 2013 Plutone ha fatto il suo ingresso nel secondo decano, governato da Marte. Saturno/Plutone, cui mancano ancora un paio d’anni. Nel 2019 il pianeta più lontano di tutti si affaccia al terzo decano, governato dal Sole, dove resterà fino a quando entrerà in Acquario. Intanto gli si sta avvicinando costantemente Saturno, anch’esso in Capricorno, e i due grandi pianeti si congiungeranno proprio all’inizio del 2020!!!

Plutone agisce a favore dei segni del Toro (borse, banche, prodotti agricoli, carne bovina) e della Vergine (frutta, raccolto di cereali, cacao, orologi). Possono trarne vantaggio le quotazioni dell’Oro e quella del Franco Svizzero, quando e se altri pianeti saranno armoniosi nel sostenerle. Favorisce l’apprezzamento dell’Euro e consolida la Comunità Europea, pur con tutte le remore del caso. Naturalmente poiché non è il solo pianeta a muoversi sullo Zodiaco ciascuno dei settori nominati viene influenzato anche da altri corpi celesti, che possono ridimensionarne gli effetti positivi. Come è accaduto nel periodo in cui Saturno è transitato in Scorpione, negli ultimi anni.
Negli ultimi anni Urano è stato a lungo conflittuale a Plutone in Capricorno dal segno dell’Ariete. Dal 6 marzo 2019 sarà definitivamente in Toro, andando lentamente a creare un trigono crescente, portatore a tempi medi e lunghi di maggiore armonia.

Nettuno, simbolo di fantasia, creatività, evasione dalla realtà, chimica, farmacopea, assuefazioni, dipendenze impiega 165 circa anni per percorrere tutto lo Zodiaco, 12 anni circa per segno. Aveva fatto il suo ingresso in Acquario alla fine del 1998, vi è restato fino al 3 febbraio 2012, quando ha fatto il suo ingresso in Pesci, suo domicilio, nel quale resterà fino al 2024. Esprime nel suo insieme il concetto di chimica, farmaci, anestesie, psicofarmaci, adulterazione, sofisticazione, inquinamento, alcol, droghe, rifiuti. Cui occorre aggiungere misticismo e visione deformata della realtà, ivi incluse forme esasperate di fondamentalismo, veicolo per il terrorismo. L’ultima volta che il pianeta percorse il segno/domicilio dei Pesci risale al periodo compreso tra il 1848 e il 1861, decisamente poco pacifico per gli importanti eventi che lo caratterizzarono: prezioso al tempo stesso per la formazione e l’avvio del regno d’Italia. In analogia tra il periodo storico citato e quello attuale le tensioni riguardanti la penisola di Crimea e le questioni ucraine. Di recente è tornato di moda l’ukulele, strumento musicale che fece furore proprio nel periodo citato.
Se seguiamo il mito del pianeta, vendicativo e capace di perfide vendette attraverso maremoti e tsunami (oltre a favorire l’accumulo incredibile di rifiuti di plastica in mare!!!), dobbiamo considerare che Nettuno inizia il 2019 a 14°04’ Pesci, sarà retrogrado dal 21 giugno al 26 novembre, concluderà l’anno a 16°15’ Pesci. Per trovare dei raffronti bisogna andare indietro di 160 anni...e non si tratta di eventi storicamente facili. Nel 2019 proseguirà il suo lento cammino nel secondo decano dei Pesci, governato da Giove. Si trova in posizione di largo sestile nei confronti di Plutone in Capricorno, sarà quadrato al segno dei Gemelli e del Sagittario (e quindi a Giove di transito!), sestile a Marte a fine febbraio, quadrato in aprile, trigono a fine maggio e inizio giugno, insidioso nella sua danza con Lilith e opposto a Marte a fine estate, trigono allo stesso pianeta a fine anno.

Urano, guida celeste dell’era dell’Acquario, signore degli imprevisti, maestro in tecnologia, impiega 84 anni per percorrere tutto lo Zodiaco, 7 anni per segno. Ha fatto il suo ingresso in Ariete il 12 marzo 2011 (in esatta concomitanza con il devastante terremoto avvenuto in Giappone (Fukushima), di eclatante significato considerando che la tradizione attribuisce al Giappone il segno dell’Ariete…). Ha fatto il suo primo ingresso in Toro il 15 maggio 2018, per rientrare in Ariete il 6 novembre 2018 con moto retrogrado. Conclude il 2018 a 29°36’ Ariete. Dal 6 marzo 2019 entrerà definitivamente in Toro, dove resterà fino al 2025. Concluderà il 2019 a 2°21’ Toro.
Secondo la Tradizione il primo decano del Toro è governato da Mercurio. Ha quindi a che fare con giovani, commercio, ritorni alla coltivazione della terra con nuovi criteri. In una fase iniziale sarà trigono a Saturno, che, essendo più veloce, si avvicinerà gradualmente a Urano raggiungendolo verso gli anni ’30 di questo secolo. Sarà trigono a Giove all’inizio del Capricorno a fine anno 2019. I più coinvolti da parte di Urano a partire dal 6 marzo sono coloro che hanno pianeti sui primi gradi di Toro, Scorpione, Acquario e Leone. Favoriti i nati a fine febbraio, fine giugno, fine agosto e fine dicembre. Prima del 6 marzo i nati a fine Ariete devono essere cauti, mentre possono avvantaggiarsene i nati a fine Leone e fine Sagittario. Cautela va suggerita anche ai nati a fine Cancro, fine Bilancia, fine Capricorno.

Saturno, signore del destino e misuratore del Tempo secondo la tradizione astrologica, impiega 30 anni circa per percorrere tutto lo Zodiaco, due anni e mezzo per segno. Comunemente inteso come archetipo del destino individuale (Crono aveva insegnato ai Greci l’arte di misurare il tempo e la vita!) è giunto in Capricorno il 20 dicembre 2017, è restato sul primo decano (governato da Giove) per tutto il 2018.

Saturno inizia il 2019 a 11°22’ Capricorno, va in moto retrogrado dal 30 aprile al 17 settembre, conclude l’anno a 21°23’ Capricorno.
Nel 2019 prend e un passo deciso, iniziando subito con il secondo decano (governato da Marte) e sforando nel terzo (governato dal Sole) verso fine anno, preludio al primo spostamento in Acquario nei primi mesi del successivo 2020.
I segni che devono tenere d’occhio l’effetto Saturno sono Cancro, Bilancia, Capricorno, Ariete. Osservando con cura i pianeti e i gradi in cui si trovano i pianeti di nascita e confrontandoli con la posizione di Saturno di transito. Favoriti i nati in Toro, Vergine, Scorpione, Pesci, che possono usufruire di aspetti di trigono e di sestile.

Giove, pianeta della Fortuna Maior secondo gli antichi, impiega 12 anni per percorrere tutto lo Zodiaco, un anno in media per segno. Ha fatto il suo ingresso in Sagittario l’8 novembre 2018. Inizia il 2019 a 11°46’ Sagittario, va in moto retrogrado dal 10 aprile al 10 agosto, lascerà il Sagittario per il Capricorno il 2 dicembre, concludendo l’anno a 6°40’ Capricorno. Appoggerà positivamente i segni di Fuoco: Ariete, Leone, Sagittario, ma anche i segni dell’Acquario e della Bilancia (meno bene i Gemelli, opposti). Conflittuali Pesci e Vergine, oltre i Gemelli.

 


Marte, il guerrafondaio celeste, impiega 2 anni per percorrere tutto lo Zodiaco, due mesi in media per segno. Inizia il 2019 a 29°56’ Pesci, entrando in Ariete nella stessa notte di Capodanno, alle 3 e 21’ del mattino. Si sposta successivamente:
In Toro dal 14 febbraio
In Gemelli dal 1° aprile
In Cancro dal 16 maggio
In Leone dal 1° luglio
In Vergine dal 18 agosto
In Bilancia dal 4 ottobre
In Scorpione dal 19 novembre
Concluderà l’anno a 28°23’ Scorpione
In ciascun in cui transita opera una dinamica precisa sul segno medesimo e nei confronti di quello opposto, dei due in quadratura, agendo positivamente sui segni in trigono.
Per esempio nel passaggio in Ariete stimola e stressa i nati nel segno, frena la Bilancia e condiziona Cancro e Capricorno, crea belle opportunità per i nati in Leone e in Sagittario.

Venere, pianeta della piccola fortuna, è rigorosamente e costantemente considerata un elemento favorevole nel quadro zodiacale e nei suoi transiti. Di solito trascorre tra due settimane e un mese in ogni segno. I periodi in cui Venere si trova nel nostro segno di nascita o transita su positivi pianeti personali o sulla Seconda o Ottava Casa di nascita sono propizi per amore e finanze.

Movimenti di Venere nel 2019:
Venere inizia l’anno a 23°29’ Scorpione
Venere in Sagittario dal 7 gennaio al 3 febbraio
Venere in Capricorno dal 4 febbraio al 1° marzo
Venere in Acquario dal 2 marzo al 26 marzo
Venere in Pesci dal 27 marzo al 20 aprile
Venere in Ariete dal 21 aprile al 14 maggio
Venere in Toro dal 15 maggio all’8 giugno
Venere in Gemelli dal 9 giugno al 3 luglio
Venere in Cancro dal 3 luglio al 27 luglio
Venere in Leone dal 28 luglio al 20 agosto
Venere in Vergine dal 21 agosto al 14 settembre
Venere in Bilancia dal 14 settembre all’8 ottobre
Venere in Scorpione dal 9 ottobre all’1 novembre
Venere in Sagittario dal 2 novembre al 25 novembre
Venere in Capricorno dal 26 novembre al 19 dicembre
Venere in Acquario dal 20 dicembre 2019 al 13 gennaio 2020
L’anno si conclude con Venere a 14°24’ Acquario

Non vi sono retrogradazioni di Venere per tutto il 2019!

Mercurio è da sempre considerato il pianeta che favorisce commercio e comunicazione. Alcuni studiosi di Astrologia Finanziaria lo considerano meno efficace nei periodi di retrogradazione. Percorre l’intero zodiaco in circa un anno. Negli Stati Uniti vengono pubblicati appositi calendari comprendenti i periodi delle retrogradazioni di Mercurio, utili per evitare azioni speculative di particolare rilevanza. Personalmente non ho constatato simili effetti.

Movimenti di Mercurio nel 2019:
Inizia l’anno a 23°51' Sagittario
Mercurio in Capricorno dal 5 gennaio al 23 gennaio
Mercurio in Acquario dal 24 gennaio al 9 febbraio
Mercurio in Pesci dal 10 febbraio al 4 marzo
Mercurio retrogrado in Pesci dal 5 marzo al 27 marzo
Mercurio in Pesci (diretto) dal 28 marzo al 16 aprile
Mercurio in Ariete dal 17 aprile al 6 maggio
Mercurio in Toro dal 7 maggio al 20 maggio
Mercurio in Gemelli dal 21 maggio al 4 giugno
Mercurio in Cancro dal 5 giugno al 26 giugno
Mercurio in Leone dal 27 giugno al 6 luglio
Mercurio retrogrado in Leone dal 7 al 19 luglio
Mercurio retrogrado in Cancro dal 20 al 31 luglio
Mercurio (diretto) in Cancro dal 1° agosto all’11 agosto
Mercurio in Leone dal 12 agosto al 28 agosto
Mercurio in Vergine dal 29 agosto al 13 settembre
Mercurio in Bilancia dal 14 settembre al 2 ottobre
Mercurio in Scorpione dal 3 al 30 ottobre
Mercurio retrogrado in Scorpione dal 31 ottobre al 19 novembre
Mercurio (diretto) in Scorpione dal 20 novembre all’8 dicembre
Mercurio in Sagittario dal 9 dicembre al 28 dicembre
Mercurio in Capricorno dal 29 dicembre 2019 al 16 gennaio 2020

Mercurio conclude il 2019 a 4°22’ Capricorno.
Le 4 retrogradazioni dell’anno hanno luogo in Pesci, Leone, Cancro e Scorpione, dedicando maggiore attenzione ai segni d’Acqua.

La velocità di Mercurio risulta ulteriormente moltiplicata se si adottano le sue posizioni eliocentriche (che registrano il movimento dei pianeti osservati dal Sole), quando può percorrere tutto lo Zodiaco in una sola settimana e anche meno. Da ricordare l’ottimo scritto di Italo Calvino intitolato ‘Velocità Mercuriana’.
Quando Venere e/o Mercurio transitano nel nostro segno di nascita esprimono un effetto positivo e protettivo. Per coloro che non sono esperti della materia è utile rammentare che Venere e Mercurio sono vincolati agli spostamenti solari, nel senso che non possono mai oltrepassare una distanza massima rispetto al Sole, detta elongazione. Mercurio può trovarsi al massimo a 28° dal Sole e Venere a 48°. In altri termini rispetto al Sole Mercurio può trovarsi solo nel segno precedente, seguente o in quello in cui si trova il Sole. Es. Sole in Acquario: Mercurio può trovarsi in Capricorno, Acquario e Pesci.
Venere invece può trovarsi nei due segni precedenti e nei due seguenti oltre a quello in cui transita il Sole. Es. con il Sole in Leone Venere può trovarsi in Gemelli, Cancro, Leone, Vergine, Bilancia.

Il magico Nodo della Luna (punto di intersezione tra orbita lunare ed eclittica celeste) cammina all’indietro come i gamberi, in senso orario invece che antiorario come procedono tutti gli altri corpi celesti. Impiega 18 anni e mezzo per percorrere tutto lo Zodiaco, un anno e mezzo circa per segno. Ha fatto il suo ingresso in Cancro 6 novembre 2018. Resterà in quel segno fino al 6 maggio 2020.
Come molti di voi già sanno, secondo la studiosa americana Louise Mc Whirter i movimenti del Nodo della Luna sono in particolare sintonia con l’andamento di economia e finanze degli Stati Uniti. Secondo la sua opinione il minimo storico viene sempre raggiunto quando il Nodo si trova in Acquario (ipotesi che non è mai stata finora smentita!), mentre riprende gradualmente a partire dal successivo Capricorno, per raggiungere il massimo quando si trova in Leone (ultimo transito appena concluso). L’attuale presenza in Cancro esprime comunque una buona tenuta dell’economia americana. Il Nodo della Luna si chiama anche Testa del Drago (anticamente: Caput Draconis o all’indiana Rahu), Il 2017 e una parte del 2018 hanno confermato la teoria di cui sopra, che risale agli anni ’30.

Il passaggio del Nodo Lunare sui nostri pianeti positivi crea situazioni di incontro e aggregazione, verso una maggiore armonia interiore. Si tratta sempre di un transito favorevole.

Lilith, la subdola Luna Nera, astronomicamente secondo fuoco dell’orbita lunare ellittica, essendo l’altro fuoco occupato dalla Terra, (secondo altri autori corrispondente agli absidi, cioè ad Apogeo & Perigeo) impiega 9 anni per percorrere tutto lo Zodiaco, 9 mesi in media per segno. Ha iniziato il suo cammino in Acquario a metà maggio 2018, all’inizio del 2019 sarà a 16°28’ Acquario. Entrerà in Pesci il 3 maggio 2019, e concluderà l’anno a 27°Pesci.
Raggiungerà successivamente l’Ariete il 27 gennaio 2020.
Il passaggio di Lilith sui pianeti, positivi e/o negativi, ci aiuta di solito a scoprire trame alle spalle e verità celate, contribuendo a offrirci un quadro più chiaro su cose, persone, eventi.