8 Giugno 2019: Fabrizio Corrias!

Fabrizio Corrias ha partecipato per la prima volta al nostro Convegno Astrologico Torinese l’anno scorso. Devo confidarvi, miei cari Amici delle Stelle, che di lui mi ha colpito la ricerca – instancabile – di un dialogo costruttivo tra le diverse scuole astrologiche. Segnale di grande levatura, oltrechè di amicizia stellare!
Quest’anno sarà con noi, ancora una volta, e tutti lo aspettiamo con gioia.

Ecco le risposte che Fabrizio ha dato ai nostri quesiti stellari:

Come sempre inizio chiedendoti Il tuo biglietto da visita astrologico
Sono un Leone, Ascendente Sagittario, Luna in Leone, dominante Giove-Marte.

Come è avvenuto il tuo incontro con Urania? C’è stato un Transito che ha scatenato l’innamoramento verso l’Astrologia?
L’innamoramento astrologico è andato di pari passo con l’innamoramento per mia moglie Marina, nel 1973. Lei studiava Astrologia da quando aveva 13 anni, tre anni prima di conoscermi. Mi ha contagiato quasi subito.

Quest’anno il Tema del Convegno Astrologico Torinese è ‘I Transiti’: di cosa ci parlerai, e soprattutto, come è nata l’idea del tuo intervento?
La relazione la esporremo in due, Giancarlo Ufficiale ed io. La proposta l’ha fatta lui ed io sono stato subito d’accordo, sapendo quanto sia esperto Giancarlo in Astrometeorologia. La pratica classica usa i transiti come tecnica secondaria, se non per nulla. In Astrometeorologia, però, i transiti hanno una loro dignitosa applicazione, che spiegheremo nei particolari.

Nella tua esperienze astrologica, c’è stato un Transito che ti ha veramente sorpreso, nei suoi risvolti interpretativi?
No.

Segui i Transiti giornalieri dei pianeti sulla tua carta del cielo?
No

Applichi tecniche previsionali per te e/o per i tuoi cari?
Sì, uso un metodo integrato Genitura-Rivoluzione Solare-Direzioni-Perfezioni, che poi è quello spesso usato nella Tradizione.

Saturno in Capricorno, Urano in Toro, Nettuno in Pesci: in questo scontro fra titani da che parte ti schieri?
Quando si scontrano i titani meglio mettersi da parte.

Un testo che consigli o che stai leggendo?
Il secondo libro del Quadripartitum commentato da Alī ibn Ridwān, traduzione e note di Giuseppe Bezza.

Perché venire a Torino, al nostro Convegno?
Il clima che si respira è molto rilassato ed amichevole. Non ho percepito competitività ma collaborazione, cosa rara.