8 Giugno 2019: Arianna Mendoi!

E’ sempre un piacere per noi avere Arianna Mendo al Convegno Astrologico Torinese!
Il suo è un intervento molto particolare, rivolto alla meditazione, attraverso un incontro tra Macrocosmo e Microcosmo che arricchisce tutti noi.
Ed ecco le risposte stellari di Arianna ai nostri quesiti:

Come sempre inizio chiedendoti Il tuo biglietto da visita astrologico
Sono Acquario Asc. Leone con una Luna in Toro e Giove in Sagittario. Il mio Sole è congiunto a Mercurio e opposto ad Urano.

Come è avvenuto il tuo incontro con Urania? C’è stato un Transito che ha scatenato l’innamoramento verso l’Astrologia?
E’ avvenuto molto presto, nella mia adolescenza. Come un sottile richiamo interiore, ecco le prime letture con “Astra”. Quando poi, terminato il liceo, mi sono recata in Inghilterra per studiare la lingua, lì ho incontrato i libri dell’astrologa americana Linda Goodman che mi hanno catturata. Il suo approccio karmico ed evolutivo, profondo e minuzioso, mi ha letteralmente affascinata.

Quest’anno il Tema del Convegno Astrologico Torinese è ‘I Transiti’: di cosa ci parlerai, e soprattutto, come è nata l’idea del tuo intervento?
Farò, come è nella mia linea, un momento di lavoro meditativo per entrare in contatto profondo e diretto con la voce degli archetipi celesti e vedere cosa hanno da dire alla persona rispetto ai transiti del momento.

Nella tua esperienza astrologica, c’è stato un Transito che ti ha veramente sorpreso, nei suoi risvolti interpretativi?
Nella mia esperienza interpretativa ho visto i transiti parlare in maniera precisa e puntuale. A volte, operando di più a livello della vita fisica, materiale; a volte influendo invece di più a livello interiore.

Segui i Transiti giornalieri dei pianeti sulla tua carta del cielo?
Assolutamente sì.

Applichi tecniche previsionali per te e/o per i tuoi cari?
Mi piace scrutare la “qualità del tempo futuro” a breve termine nel lasso di uno/due anni per capire come meglio indirizzare le energie. Utilizzo in questo senso soprattutto la tecnica dei transiti.

Saturno in Capricorno, Urano in Toro, Nettuno in Pesci: in questo scontro fra titani da che parte ti schieri?
Ogni archetipo planetario viene per portarci un insegnamento per cui ogni transito mi affascina. Nettuno in Pesci mi piace osservarlo per la propensione alla spiritualità che può portare. Urano in Toro per i cambiamenti che può portare a livello di consapevolezza e di ritrovati per aiutare l’ambiente mentre Saturno in Capricorno aiuta a dare risposte concrete.

Un testo che consigli o che stai leggendo?
Ho curato recentemente la traduzione di un testo che amo particolarmente scritto dall’astrologo americano Tad Mann: si tratta de “La Trama Divina”. Il libro parla di astrologia e reincarnazione in una visione molto ampia che include anche biologia, fisica, miti e che fornisce, attraverso l’ausilio di alcune tabelle, la possibilità di leggere le incarnazioni che più influiscono sulla vita attuale.

Perché venire a Torino, al nostro Convegno?
Perché stimola l’incontro con la disciplina delle stelle da tante sfaccettature diverse dato che gli astrologi che intervengono partono da chiavi di lettura diverse. E poi l’atmosfera del convegno, promuove con facilità l’incontro fra chi partecipa e i relatori. Sono sempre felice di farne parte e aspetto con rinnovata gioia questo appuntamento annuale.