• unnamed
  • Grazia6
  • Grazia10
  • galassia
  • 13124921 588656907972503 9179173139051838967 n
  • 7
  • IMG 1845
  • IMG 0218
  • Mamma1800
  • istock 000015579600medium
  • Grazia4
  • IMG 2387
  • Grazia8
  • libreria3
  • IMG 0125
  • img671
  • Grazia11
  • libreria
  • IMG 0630
  • IMG 1649
  • img287
  • img286
  • IMG 0148
  • Stone44
  • Grazia1
  • img668
  • IMG 2385
  • IMG 0016
  • Fasi Luna 034
  • 91405
  • agende
  • Grazia3
  • Grazia9
  • 12107189 583052231866304 1192003733361985030 n
  • Grazia2
  • img358---Copia---Copia
  • Grazia7
  • 4
  • img635---Copia
  • IMG 1449
  • fig13
  • 71571 10200126679919496 860902229 n
  • IMG 0075
  • libreria2
  • IMG 1297
  • Grazia5
  • img327---Copia
  • 13119029 585680614936799 1656583689704463153 n

Ricordo ancora la sorpresa che provai quando la moglie di un compagno di università, Carlo Gilli, mi chiamò per chiedermi se volevo collaborare a un libro per adolescenti che stava scrivendo per le Edizioni Paoline. Mi recai a parlare con l'Ufficio di riferimento a Milano, preoccupata che ponessero condizioni relative all'Astrologia. Non solo furono gentili, ma riunite in gruppo mi chiesero se potevo redigere un oroscopo per la loro Madre e Maestra delle Novizie. In compenso mi diedero i loro dati di nascita e scoprii che nella quasi totalità dei casi esse avevano nella loro carta del cielo aspetti nettuniani relativi alla Luna o a posizioni significative dell'oroscopo. E' stata una bella esperienza, che ricordo ancora oggi con gioia! Mi occupai di una sezione introduttiva sull’Astrologia edei profili dei 12 Segni Zodiacali, nella sezione intitolata: E tu, di che segno sei?

La trovate qui, miei cari Amici delle Stelle, con un pensiero esoterico ad una pubblicazione che ricordo con grande affetto!

Quasi tutti i giornali che si acquistano in edicola, le trasmissioni radiofoniche e televisive, le comunicazioni di massa in genere, contengono una pagina, un momento, dedicato all’Oroscopo, nel quale si leggono vita, morte e miracoli dell’umanità, rigidamente divisa in dodici settori.
Chi studia seriamente Astrologia non condivide questo modo, un po’ troppo disinvolto, di usare una scienza che ha ormai compiuto il suo quattromillesimo anno di vita, e che ha un passato glorioso alle spalle. Dunque, Oroscopo sì, ma per gioco, se lo leggiamo sui giornali, e soprattutto nella consapevolezza che vi è un modo ben diverso di studiare noi stessi attraverso la disciplina degli Astri. In Cielo, infatti, come tutti sanno, vi è il Sole, ma vi sono anche molti altri Corpi Celesti, da quelli che fanno parte del Sistema Solare (Luna, Venere, Mercurio, Marte, Giove, Saturno, Urano, Nettuno, Plutone), a quelli che lontani da alcune galassie scorgiamo nelle limpide sere estive, quando il cercare il Carro dell’Orsa Maggiore, tra le luci stellari, diventa un piacevole momento nella notte chiara di San Lorenzo.
Fare un Oroscopo, in breve, vuole dire sistemare nella loro esatta posizione tutti i Pianeti, in specie quelli del Sistema Solare, ponendo al centro dell’Universo l’individuo al momento della sua nascita. L’Orizzonte viene così ad essere ripartito in dodici spicchi, ognuno dei quali rappresenta una fase ben precisa della sua vita:
La Prima Casa, o Ascendente, indica l’infanzia, l’educazione, l’ambiente di provenienza;
La Seconda Casa suggerisce l’atteggiamento nei confronti del denaro e dell’occulto;
La Terza Casa indica fratelli, brevi viaggi, studi;
La Quarta Casa la famiglia e i rapporti che la riguardano, compreso l’arredamento;
La Quinta Casa i figli, l’amore, il teatro;
La Sesta Casa le malattie brevi, gli animali domestici, i collaboratori;
La Settima Casa, il Discendente, i rapporti con gli altri, il matrimonio, le associazioni;
L’Ottava Casa le eredità, morali ed intellettuali;
La Nona Casa la filosofia, la fede, i viaggi;
La Decima Casa la realizzazione personale nel corso della vita;
L’Undicesima Casa gli amici;
La Dodicesima Casa il ritorno verso se stessi, i ricoveri in ospedale, i nemici.

Quando leggiamo l’Oroscopo sui giornali, non teniamo affatto conto che, oltre al Sole, al momento della nostra nascita vi erano Pianeti presenti, a che la nostra vita è complessa e scomponibile in tante parti diverse. Se una persona, ad esempio, è nata il 15 aprile, diciamo che ha visto la luce sotto il Segno dell’Ariete, perché, in quel giorno, il Sole si trova in questo Segno; ma contemporaneamente, Venere e Mercurio possono essere nello stesso Segni; la Luna, invece, in Vergine o altrove, e così per tutti gli altri Pianeti. Si capisce così come dividere l’umanità in dodici compartimenti stagni costituisca una profonda imprecisione, un vero arbitrio. Ognuno dei Pianeti, proprio per la sua natura, assume un significato diverso se posto in un Segno o in una Casa particolare e il ritratto della persona emerge da un cocktail ben dosato dei Pianeti che hanno assistito, impassibili ma ben influenti, alla sua nascita.

Ariete: Primo Segno, di Fuoco, dominato da Marte
Caratterizza personalità vivaci, impulsive, simpatiche e molo leali, spesso troppo precipitose nelle decisioni che prendono, ma pronte a correggersi sinceramente, quando capiscono di aver sbagliato. Generose nel sacrificio, spesso si dedicano con grande costanza allo sport, ottenendo risultati brillanti. Non accettano facilmente suprusi o atteggiamenti di doppiezza, vogliono chiarezza e semplicità, sia negli abiti, sia in quanto li circonda.
La natura Ariete deve cercare di essere molto riflessiva, di non ubbidire al primo impulso che le sgorga dal cuore e pensare molto attentamente prima di parlare e di agire, per evitare di sentirsi a disagio per quanto ha detto o fatto in una prima veloce analisi.
Non ama le leziosaggini, le cose contorte, si ammala bruscamente e altrettanto vivacemente si rimette. Nel suo sguardo vivace e brillantissimo si legge molto della personalità, così come in amore può sentirsi infuocare all’improvviso e scegliere, quando è troppo giovane, persone non sempre adatte. Nello studio ama le materie pratiche, immediate, che comprende facilmente con la sua intelligenza, non eccessivamente portata all’approfondimento.
Il self control, dunque, è la virtù che più le manca, oltre alla tendenza ad esaltarsi e a deprimersi, in breve tempo, lasciando sconcertati quanti non la conoscono bene. Ama i colori vivaci, luminosi, attraverso i quali esprime i suoi stati d’animo di colore deciso, amore e odio, bene o male, senza mezzi toni. D’inverno è bene che si copra il capo ed eviti le infreddature, anche le emicranie possono infastidirla. Ama la libertà e non sopporta partner che non le diano fiducia. E’ disponibile fino al sacrificio e compie, a volte, scelte insospettabili di donazione di sé.
I suoi anni migliori sono quelli della giovinezza, durante la quale sente di poter sollevare il mondo intero con la forza che sgorga dal cuore. Più tardi tende a soffrire di alti e bassi, passa da momenti di sogno esaltante ad altri di depressione totale e, basta ben poco per mutare il suo animo sensibile. L’esperienza aiuta a correggere la sua franchezza eccessiva, a moderare gli spigoli troppo aguzzi. Un consiglio? Contare fino a 10 prima di parlare!

Toro: Secondo Segno, di Terra, dominato da Venere
Suggerisce bellezza, finezza, tendenza all’eleganza, amore per la vita in campagna, all’aria aperta. E’ caratterizzato da delicatezza di gola, faringe e laringe, con bella voce, spesso intonata, e capacità nel disegno e nella grafica. Si tratta di una personalità tenace, ancorata ai concetti che la famiglia e la scuola offrono, estremamente materna, che sogna di esprimersi nell’amore e nella famiglia. Molto tenace, crede nei valori di fondo della vita, e sa viverli con grande dedizione. Può sentirsi debole nelle questioni di cuore e bruciare le tappe prima del tempo, su questo pericolo è bene che rifletta. Il destino saprà offrire cose belle e molto adatte alla sua indole, che ama il bello, il fine, i colori smorzati. Sa cucinare con maestria e rendere la sua casa felice per una bella e serena famiglia. Può avvertire il fascino del denaro e delle comodità e darsi molto da fare per rendersi indipendente. In questo senso è creatura adatta a professioni nel campo della moda, dell’arte, del commercio e non deve trascurare le sue possibilità nel settore infermieristico, sia come medico, sia come collaboratore ospedaliero, prezioso e preciso. Tende però a dare il ruolo fondamentale alla famiglia, al suo guscio che rende più attraente o ospitale possibile. Il pericolo, negli anni della giovinezza, è nella pigrizia, che può essere a volte difficile da superare. La lentezza nelle decisioni lascia il posto a notevole tenacia una volta che le ha prese e può stupire chi l’aveva sottovalutata. Se sceglie gli studi più adatti può sorprendere per le sue capacità logiche, per le doti di sintesi e di analisi. Può anche riversare le sue capacità in una attività pratica, nella quale eccelle, con pregevole intuito finanziario. Il suo problema può essere quello di conciliare le sue forti aspirazioni vitali con la propria personalità. Sa raggiungere punte straordinarie di altruismo, se viene messo alla prova il suo spirito profondo.

Gemelli: Terzo Segno, d’Aria, governato da Mercurio
Suggerisce intelligenza, versatilità, allegria, nervosismo, curiosità intellettuali molto vivaci, che non sempre sono accompagnate da altrettanto approfondimento, dopo gli iniziali entusiasmi. E’ agile, sa ballare molto bene e può seguire corsi di danza classica, ginnastica, atletica leggera, bicicletta, ad una vita dinamica e piena di impegni.
E’ adatta per le lingue e può viaggiare, anche all’estero, può riuscire nel teatro, recitazione, professione di speaker, con il suo stile distratto e di piacevole dialettica. Non ha grandi attitudini per la vita di famiglia. E’ invece ottima come bibliotecaria, giornalista, a volte abile nel campo della scrittura, sa trovare i luoghi più adatti per risparmiare e realizzarsi nel commercio. In amore ama il corteggiamento, ma non è tra i rappresentanti più appassionati dello Zodiaco. Deve evitare di scivolare nelle situazioni difficili, per pura e semplice curiosità, sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo che possa cambiare, d’un colpo, la sua vita. Tra i difetti occorre rilevare la volubilità, la tendenza a cambiare spesso le scelte che, sebbene solennemente accettate, mutano dopo poco tempo. Conoscendo il difetto di costanza, è bene che impegni se stessa in prove di equilibrio e di mantenimento di impegno, costringendosi a portare avanti tutte le iniziative, si tratti di scuola, sport, semplici interessi superficiali. Ciò la aiuterà nella maturità, quando potrebbe accorgersi di rimpiangere la libertà perduta e sentirsi prigioniera di un mondo che non le è congeniale. Ama stupire gli altri, anche nel modo di vestire, ma in fondo si tratta di manovre inoffensive. Chi la conosce bene sa che dice qualche bugia, ma senza cattivi scopi… si tratta solo di un modo diverso di vedere la realtà, ma non vuole danneggiare nessuno. Ama leggere e spesso acquista libri e giornali che sfoglia con interesse, mangiando pizza, panini, spuntini, che preferisce ai lunghi pranzi che creano stanchezza e irritazione. Può coltivare, con buone possibilità, lo studio della psicologia, e l’interesse per gli altri può essere di aiuto per equilibrare se stessa, a frenarsi positivamente nella ricerca delle chimere, alle quali difficilmente rinuncia.

Cancro: Quarto Segno, d’Acqua, governato dalla Luna
E’ uno dei più femminili dello Zodiaco, con uno sguardo sognatore, profondo e dolce, sensibilità spesso eccessiva, emotività, qualche volta la tendenza a sentirsi vittima di qualche situazione, non sempre a ragione. Lunatica, può cambiare d’umore anche troppo spesso ed è profondamente legata alla famiglia, quella in cui è nata o quella che formerà più tardi, quella in cui è nata o quella che formerà più tardi nel corso della vita. Il suo sogno è una nidiata di bambini, con uomo da amare e vezzeggiare e dal quale può lasciarsi imporre scelte e decisioni. Ama le cose romantiche, il sogno, l’illusione, gli scenari ottocenteschi, le crinoline, i balli viennesi, il corteggiamento delicato e molto dolce. Per lei la figura materna è assai importante e può trovarsi a rinunciare ai suoi ideali più cari se le sono richiesti sacrifici da parte della famiglia. Partecipa vivamente di ogni cosa, si spaventa a scuola per le interrogazioni e i compiti in classe, trema per un malessere fisico, e può mancare di fiducia in se stessa, sottovalutando le sue forze e le sue capacità.
Psicologicamente, si potrebbe dire che tende al ritorno nel seno materno, che ama il calore della famiglia e la tenerezza dei rapporti tra i genitori e figli, tra uomo e donna, sentendosi più materna che amante nei suoi rapporti d’amore.
Tende a sacrificare la carriera a favore dei sentimenti e, in questo, deve riflettere con molta attenzione perché è una scelta poco riflessiva in amore potrebbe farla sentire irrealizzata per molti anni, mentre deve evitare partner troppo sicuri di sé, che riescono ad avere la meglio perché autoritari e più decisi. Tenga sempre presente il suo grande bisogno di affetto e sappia darsi fiducia, ripetendosi che le altre persone sono anch’esse di carne ed ossa, con le loro virtù ed i loro difetti.
Può coltivare interessi di musica e arte, è adatta a discipline come la storia (in cui può esprimere la sua ottima memoria) e le tradizioni del passato, come scenografia e ambientazione. Esperta in argenti, può esserne ottima venditrice, anche e soprattutto se l’ambiente ha a che fare con l’antico. E’, infatti, una conservatrice e nasconde le vecchie violette, lettere ingiallite, cose della sua infanzia, come se, in questo modo, potesse fermare il tempo e vivere nel suo ovattato ambiente fatto di tanti comodi pensieri e di tanto sonno… qualche volta un po’ troppo! Attenzione allo stomaco, per la digestione ma anche per i magoni interiori.

Leone: Quinto Segno, di Fuoco, governatore del Sole
Suggerisce un temperamento solare, leale, positivo, vivace, con un fisico interessante, caratterizzato da bei capelli, spesso portati sciolti sulle spalle, da orgoglio e da un filo di presunzione, che, se controllato con attenzione, può risolversi in una fiducia in se stessi, utile nel corso della vita.
Chi nasce in questo segno è ambizioso, e desidera distinguersi nella vita, sia nel lavoro che nella realizzazione personale e sentimentale. Il pericolo può essere rappresentato dal lasciarsi attirare dalle apparenze, quali la bella presenza e l’esteriorità, senza badare con attenzione alle doti profonde, paghi, in una prima fase, di essere guardati dagli amici con una punta di invidia. Si dice anche che il Leone sia giocatore, che ami i rischi e le speculazioni. Ma nel fondo del suo animo si nasconde una ingenuità che può tendergli qualche trappola. Sincero, finisce a volte per agire in modo fin troppo scoperto…, aiutando gli avversari nella riuscita. Il punto debole fisico (e qualche volta anche del sentimento) è il cuore, che può fare soffrire la persona nella maturità specie se, come succede al tipico nato nel segno, mangia un po’ troppo, specie cibi poco adatti. Si tratta di un segno legalista, che si inserisce positivamente nelle gerarchie, sia militari che, a volte, ecclesiastiche. Può riuscire molto bene nello sport. Sa trattare bene con i bambini, ai quali si attacca profondamente, senza il senso possessivo, da ‘genitore’ di altri segni, ma con la capacità di essere un buon compagno di gioco. Può recitare e interessarsi di teatro e cinema, coltiva molteplici interessi e può distinguersi nel campo politico. Molti uomini politici importanti sono nati in questo segno, che manca però, allo stato puro, della necessaria diplomazia. Un consiglio? Non volersi distinguere ad ogni costo, ma sapersi esaminare con obiettività, per raggiungere risultati di graduale ma costante evoluzione, grazie alle belle doti innate. E, qualche volta, far tacere l’orgoglio, che non sempre è un buon consigliere. Tra le professioni si può anche suggerire quella di insegnante, che sa agire con giustizia, con piena consapevolezza per la professione svolta. Religioso per struttura, questo segno di Fuoco può trarre grandi consolazioni, nei momenti tristi della vita, della sua fede. Un colore? Il giallo, in tutte le tonalità. Il metallo? L’oro, naturalmente!

Vergine: Sesto Segno, di Terra, governato da Mercurio
Fa parte dei più interessanti, sotto il profilo psicologico, dell’intero Zodiaco. Attento, riflessivo, dubbioso per definizione nelle decisioni da prendere, è tipico di chi è maturo prima del tempo, di quei temperamenti che fin dall’infanzia si fanno stimare per la consapevolezza, la riflessione, lo spirito poco spensierato. Sono doti positive, ma fanno correre il rischio di non vivere come si dovrebbe negli anni della prima giovinezza e di accollarsi responsabilità oltre il dovuto. Molte paure trovano il loro fondamento all’interno di se stessi. La nata in Vergine, igienista, attenta e scrupolosa ordinatrice di se stessa e delle sue cose, coltiva paure di ammalarsi, di non saper superare gli ostacoli immediati, quali gli esami o le prove, anche quelle banali, e soffre pienamente ogni difficoltà che le si presenta superandola poi brillantemente, fino a far pensare che abbia messo in atto una vera e propria finzione. E’ un’infermiera nata, sa dosare medicine e rimedi e in questo senso corre il rischio di voler diventare il medico di se stessa, attenta, ma a volte un tantino pedante e pignola, dotata di uno spirito critico che puntualizza e, a volte, stanca chi le vuole bene, famiglia o, più tardi, marito e colleghi.
E’ poco adatta ad abiti sgargianti, preferisce la tranquilla sobrietà del buon gusto, i toni smorzati e tuttavia intonati alla sua struttura poco appariscente. Ama la terra, può coltivare un piccolo giardino, piante sui balconi e con la sua tranquilla costanza ottenere risultati molto soddisfacenti. Debole nell’intestino, deve controllare attentamente la dieta, in particolare evitando esagerazioni in dolci e cioccolato, che costituiscono il suo punto debole. Totalmente affidabile sul lavoro, può essere, a sua scelta, una precisa contabile, una venditrice attenta e abile, un’insegnante molto didattica, un’infermiera, una dietologa specializzata, un’assistente sociale, riuscendo in tutto con molta precisione. Non deve lasciarsi spaventare dagli ostacoli, perché la sua costanza innata le permette di frazionare utilmente il lavoro. In amore è lenta a decidersi, non è tipo da colpi di fulmine, né da due cuori e una capanna, e preferisce i rapporti di lenta evoluzione agli improvvisi legami poco profondi. Ama la sua indipendenza finanziaria e deve cercare, nella vita, solidità, se vuole sentirsi tranquilla. Possiede convinzioni profonde e difficili da scalfire dal punto di vista morale.

Bilancia: Settimo Segno, governato da Venere. 
E’ tipico, per bellezza e aspetto piacevole, segno d’arte e di amore per le cose belle, incline a dare grande importanza alla vita sentimentale, qualche volta con scelte fin troppo precoci. Appartengono a questo segno molte belle attrici del cinema, che tuttavia, a volte, si distinguono più per la loro avvenenza che per i contenuti reali del loro carattere. Il pericolo per questo segno è di attribuire troppa importanza alla forma e scarsa alla sostanza, finendo per scegliere fin troppo presto l’amore e scoprendo più oltre la delusione di una vita impostata su scelte solo materialistiche. Fisicamente non eccessivamente robusta, la nata in questo segno non deve pretendere troppo da se stessa e preferire ritmi tranquilli e regolati, pur coltivando i suoi hobbies, che possono andare dalla danza classica alla pittura su ceramica, al suono di strumenti a corde. Un tantino volubile, la Bilancia vuole protezione e disponibilità di denaro, cerca ambienti raffinati, cose belle e scelte con cura, in questo senso corre il pericolo di lasciarsi abbagliare dalle apparenze nei suoi giudizi. Di intelligenza vivace, spesso non coltiva a sufficienza le sue possibilità di apprendere finendo preda di una certa pigrizia di fondo che solo una larvata forma di egoismo le consente di superarle. Così, può trascorrere fin troppo tempo davanti allo specchio e curare per molto tempo particolari minuscoli, trascurandone altri probabilmente più determinanti. Se non riposa abbastanza può finire in depressioni o fastidiosi stati di esaurimento, da non trascurare in alcun modo. Mai, nella vita, deve assumersi responsabilità oltre le sue forze e comunque deve preferire all’individualismo l’appoggio di persone esperte. Può amare la vita di società, le manifestazioni mondane, a meno che l’intervento benefico di Saturno, che si esalta in questo segno, non le conferisce doti di tenacia e riflessione, come nel caso, per esempio, di alcune personalità politiche importanti.
Un consiglio? Badare molto ai valori fondamentali della vita, senza dispendersi in mille rivoli stimolanti ma spesso capaci di costituire una eccessiva distrazione. Secondariamente non fare di una persona sola il fulcro della propria vita, potrebbe essere pericoloso, e creare successivamente amari rimpianti.

Scorpione: Segno d’Acqua, governato da Marte
E’ tipico di persone dall’indole ben definita, non facile, ma capace dei maggiori egoismi e delle più sorprendenti perversioni. Una sorta di ambivalenza tra bene e male caratterizza questo segno passionale e affascinante, capace di odi e di amori tenaci, spesso duraturi. E’ segno che non ama le mezze misure, che vuole che le cose siano bianche o nere, che si appassiona agli obiettivi vitali, li fa suoi e viva in loro funzione.
Poiché l’ottavo segno ha analogie con la morte, questo segno sente profondamente tutto quanto la riguarda, tenendola e sentendone al tempo stesso il fascino ambiguo dell’annullamento personale. Sa darsi totalmente nella rinuncia, raggiungendo momenti altissimi di eroismo e, si dice nei classici manuali di Astrologia, allo Scorpione appartiene il maggior numero di assassini e poliziotti, proprio per sottolineare lo sforzo, nel bene e nel male, e il temperamento rigido nelle scelte.
Dotata di uno straordinario amore materno, la donna di questo segno difende i suoi figli come una vera tigre, li ama, li vezzeggia, li protegge, e, a volte, li costringe a scelte non proprio congeniali, in questo un tantino despota. E’ un altro segno che può dedicarsi con buone possibilità al settore medico, ottenendo risultati positivi nella chirurgia e nel settore psichiatrico. Anche l’ostetricia può costituire una buona realizzazione e, se non si vogliono seguire studi troppo lunghi, una specializzazione infermieristica, se si supera lo stress della vicinanza del male, può essere molto adatta. Il clima marino, specie oceanico, può essere stimolante per il metabolismo. Attivissimo, questo segno può correre il rischio di presumere eccessivamente delle proprie forze e dare più di quanto dovrebbe. Se aggredito, risponde con determinazione, sorprendendo per la sua suscettibilità e diventando presto pungente nelle risposte.
Preferisce la penombra negli ambienti in cui vive e nelle piccole cose si distingue per una grande precisione, che può diventare pignoleria e che impedisce che si inquadrino positivamente i problemi generali, troppo impegnato nell’approfondire i dettagli. Un consiglio? Evitare di sentirsi drammaticamente vittima delle situazioni, ma saper rilevare i lati buoni della vita, che non sono poi così limitati, controllando i moti dell’animo, per una vita più equilibrata e serena. Attenzione alla gelosia!

Sagittario: Nono Segno, di Fuoco, governato da Giove
Corrisponde al fuoco azzurro, quello delle alte temperature. Amante dei viaggi, della filosofia, fondamentalmente bisognoso di alcune credenze basilari di contenuto religioso, è goloso, buon organizzatore, spesso desideroso di conoscere altri popoli e paesi. Possiede spesso un talento innato per lo studio delle lingue straniere, è lungimirante e un tantino opportunista, disponibile al dialogo, allegro, capace di distinguere i lati buoni della vita, fino al punto fi sembrare superficiale.
Ama vivere, circondarsi di amici, in un ambiente semplice, ma spazioso e confortevole, senza leziosaggini, ma veramente piacevole, con luci diffuse, belle cose in pelle e peltro, un metallo che predilige. Può praticare parecchi sport, tra cui la biciletta, l’equitazione, lo sci, distinguendosi per coraggio e simpatia, nei rapporti con il gruppo.
Molti personaggi illustri dal punto di vista religioso sono nati in questo segno, basti citare Papa Giovanni XXIII, la cui fondamentale fiducia nella vita non è mai venuta meno, proprio per la fede semplice e senza grandi elucubrazioni che distingue il Sagittario, amante della filosofia esistenziale, ma in tono marcatamente positivo.
Chi vede la luce in questo segno, può dar l’impressione di non volersi assumere troppe responsabilità, di peccare di egoismo e di dispersività, ma sostanzialmente è positiva e disponibile e sa sacrificarsi, se vede la validità degli sforzi da eseguire. Allora può sorprendere quanti l’abbiano giudicata in modo affrettato. In amore può essere troppo precipitosa nella scelta e soprattutto non sopportare un partner troppo limitativo della sua libertà, che non le permetta spazio e possibilità di iniziativa. Qualunque professione intraprenda, deve avvertire questa possibilità di scelta, fondamentale per potersi sentire serena. E’ madre moderna, che lascia pieno spazio ai suoi figli e non li opprime con eccessive cure e attenzioni.
Adatta all’insegnamento, può riuscire molto bene in rapporti di banca, in uffici import-export, come interprete, e in rapporti che richiedono frequenti viaggi. In questo senso saprà conciliare casa e lavoro, a condizione di non voler strafare. I punti deboli sono il fegato e le cosce, specialmente se si sottopone a sforzi eccessivi. Un consiglio? Non esagerare nella vita di relazione, ma fermarsi ogni tanto a riflettere e a meditare, pensando un poco anche ai valori di fondo della vita e non farsi arie se si raggiungono traguardi.

Capricorno: Decimo Segno, di Terra, governato da Saturno
Simboleggiato da un mitico animale, capra con coda di pesce, è tipico di temperamenti riflessivi, chiusi di indole, tra i più tenaci e volenterosi dello Zodiaco. Sono personalità destinate ad esprimersi solo a piena maturità raggiunta, che soffrono nella giovinezza di insicurezze e dubbi, che si sentono incerti sulla strada da intraprendere, oscillanti tra il sacrificio e il vivere piacevole, timorosi di non saper superare gli ostacoli, che, via via, si presentano.
Il loro clima preferito è la montagna, specie alta, innevata, nella quale possono trascorrere in solitudine anche periodi non brevi. Amano l’antico, il vecchio, le cose di famiglia da conservare, i mobili della nonna, il tutto ambientato in una sobria cornice, senza grandi concessioni di lusso o allo spreco. Seria e molto affidabile, la nata in Capricorno è di solito persona puntigliosa, che sa svolgere con precisione i compiti che le sono affidati. Diligente nelle cose di scuola, sogna di rendersi indipendente, risparmia le somme di denaro che le sono donate nelle varie ricorrenze, spendendo con oculatezza, a volte criticabile, frutto di un suo recondito bisogno di sentirsi al sicuro in ogni occasione. Non ha bisogno di troppe cose per vivere, ma teme i tiri improvvisati del futuro, la sorte che altri segni ignorano o non pensano affatto a prevenire.
E’ sobria nel vestire, ama lo stile classico, le tonalità cammello, beige e il nero, colore tipico del segno. Deve curare molto attentamente ossa e denti, e seguire con cura eventuali problemi colitici. Realista, pecca semmai per mancanza di fantasia, perché bada soprattutto all’essenziale, manca di esibizionismo, e spesso non sa rendere appariscente le cose, anche importanti, che fa. Possiede principi tradizionalisti solidi e completi, che difficilmente tradirà nel corso della vita e per quanti traguardi raggiunga, si mostra sempre modesta e apparentemente insicura circa i risultati raggiunti. Madre riflessiva e disponibile a sacrificarsi anche molto per i figli, non sa vivere amori complicati nemmeno nella prima giovinezza e preferisce dedicarsi al lavoro, al miglioramento di sé, aspettando senza fretta l’incontro giusto. Sa dare agli altri e può scegliere in questo senso anche esperienze difficili e di dedizione totale. Un consiglio? Vivere, qualche volta, alla giornata, spensieratamente, senza preoccuparsi troppo di sé e degli altri.

Acquario: Undicesimo Segno, d’Aria, governato da Urano 
E’ segno di libertà e, a volte, di anarchia, di forti ideali ma di altrettanta conclusione nelle scelte di operare. E’ il segno del giovane che ama la musica modernissima, che vorrebbe fortemente porsi un sacco sulle spalle e girare tutto il mondo, senza limiti di spazio e di tempo, senza soprattutto limitazioni di libertà personale, cittadino del globo, senza patria né genitori. E’ l’utopista dello Zodiaco, colui che vorrebbe riformare il mondo, ma non riesce, spesso, a mutare se stesso nemmeno di poco. E’ instabile, dispersivo, influenzabile, amante delle esperienze fuori del comune, anche pericolose, tendente a scegliere amicizie non sempre consigliabili, che possono rivelarsi pericolose, proprio per quella fiducia di fondo nell’uomo che può essere la dote migliore, ma costituire un rischio, specie nel mondo di oggi.
Ama la musica, la grafica, la creatività, la pigrizia che individua come indispensabile per dare libero sfogo ai suoi pensieri. Spesso è adatto ai marchingegni, alle piccole invenzioni, è contraddittorio in tutte le sue manifestazioni, libero, ma a modo suo amante delle comodità, della borghesia, desideroso di rivoluzione ma lento nell’essere coerente… uno strano cocktail fatto di sogni e di realtà, difficile da comprendere per gli vive accanto. Il colore dell’Acquario è l’azzurro del cielo infinito, simbolo del gabbiano che ne è animale simbolico.
In amore, la nata in Acquario passa da momenti di grande innamoramento ad altri di totale indifferenza, nel corso dei quali vorrebbe non aver mai intrapreso il legame e sogna di mutare tutto all’improvviso, con sorpresa e stupore della persona amata. Il desiderio di libertà può avere spesso il sopravvento e consiglia di scegliere molto avanti negli anni, verso i 30 anni se possibile, a meno che altri pianeti conferiscano serietà e maggiore ponderatezza.
Uno dei punti deboli di questo segno è l’abulia, caratterizzata da periodi in cui non ci si sente di fare granché e si può precipitare in stati di indifferenza totale. In altri periodi invece si è iperattivi, senza vero metodo in nulla. Non è il caso di esagerare nei dolci, che possono predisporre a fatti diabetici, né mettere in rischio eccessivo le caviglie, punto debole classico. Un solo piccolo consiglio: prudenza e metodo in tutto, nel bene e soprattutto nel male. Diffidare sempre dagli entusiasmi troppo improvvisi e non ponderati.

Pesci: Dodicesimo Segno, l’Acqua, governato da Nettuno
E’ uno tra i segni più misteriosi e complessi, dalla componente nettuniana, sognatrice, elucubratrice, creativa, e romanticheggiante, sorprendente per chi non conosca a fondo la personalità dell’individuo. Chi nasce in Pesci, si distingue per la sua affettività, per la dolcezza, per l’emotività a volte eccessiva.
Spesso manca di vera costanza, è pigro e un po’ confusionario. Dimentica spesso date e teoremi, ma non scorda gli affetti, dai quali ogni tanto si sottrae, per poi tornare alla persona amata, sorprendendola con queste incertezze. E’ un segno mistico, che ama la religione e tutto quanto la riguarda, ma corre il pericolo di costruirsi una sua religione personale, non sempre ortodossa, fatta di mille pensieri, di principi complessi, frutto di mille suggerimenti dell’intimo.
Altruista e portato alla cura degli altri, è un segno che trova nella donna un’espressione materna e sensibile, dolce e sprovveduta, dalle lacrime e dal vittimismo facile. E’ una ragazza che ama farsi proteggere, coccolare, che vuole essere al centro dell’attenzione della persona amata.
Sa farsi proteggere e comprendere, ma corre il rischio di stancare chi le sta vicino con i suoi eccessi di emotività. E’ adatta alla medicina e alla cura degli altri, più consolatrice nei rapporti con il malato, che rigorosa nelle cure. Non deve porsi obiettivi eccessivi, ma cercare di stabilire un punto fermo dopo l’altro, nel corso della vita, senza voler mai strafare, anche perché le forze sono quelle che sono e non deve mai sopravvalutarle. Nell’infanzia può soffrire di linfatismo e un soggiorno marino può dare anche nell’età adulta una sferzata al metabolismo. Così, può soffrire di allergie della pelle e deve scegliere calzature adatte. Ha un suo modo fondamentalmente positivo di vedere la vita, che è poi meno pessimista di quanto gli atteggiamenti consueti facciano supporre.
Molti insigni musicisti sono nati in questo segno, poeti e significativi interpreti dell’animo umano. Occupandosi dell’intera umanità, chi nasce in Pesci può finire per trascurare chi gli sta vicino e, a volte, compiere scelte troppo impegnative per la sua struttura bisognosa di appoggio psicologico e reale. Un consiglio? Tenere i piedi ben appoggiati per terra, lasciando ai sogni solo un angolino, ben preciso ed evitare di lamentarsi se le cose non vanno come si vorrebbe. Piangere per amore non dispiace ai Pesci, ma non sempre ne vale la pena!

Daniela Gilli, Io, Enrica, il mio diario, Figlie di San Paolo, 1982