La Vergine nel 2017: Avanti con giudizio!

Vergine69.jpgIl 2017 non favorisce al suo inizio la saggezza virginiana, costringendo i nati nel segno a una revisione dei percorsi già programmati. Da febbraio le cose miglioreranno gradualmente, con una zona di buona agibilità tra fine marzo e aprile. Tra la fine di quel mese e maggio sarà opportuno agire con circospezione. Alti e bassi in amicizie e alleanze tra giugno e luglio, agosto richiederà qualche esercizio di pazienza! Marte sarà in Vergine attirando l’attenzione sui nati nel segno (con una certa vivacità) tra settembre e ottobre, questioni finanziarie sul tappeto in novembre, bei progetti di viaggio per fine anno, con gioie dall’amicizia. Plutone appare molto collaborativo, con energie profonde ed esoteriche, Urano è neutrale, Nettuno distoglie i nati di agosto dalla loro consueta attitudine razionale, è bene siano attenti nel valutare eventi e persone. Saturno è conflittuale, può contribuire al rinvio di alcuni programmi, che si realizzeranno nel successivo 2018. Giove esprime un bel contributo finanziario soprattutto nella seconda metà dell’anno e favorisce studi e comunicazione e fine anno. Giugno, fine settembre e ottobre sembrano i periodi migliori per l’amore (naturalmente tenendo conto della posizione di Venere alla nascita…) !!!

Pensieri Virginiani!

Vergine49.jpgDa 24 Agosto al 23 Settembre, Segno Mobile, di Terra, dominato da Mercurio.
Ancora Ingrid Lind con le sue domande imbarazzanti: come può la terra essere mobile e mercuriale?
Risposta: anche questa volta bisogna badare agli altri ingredienti (per quanto, osserva Lind, da questo conflitto interiore nasca talvolta il tipo Vergine più noioso). Per Gleadow la Vergine è ‘forse il Segno più legato alla Terra’, ma non alla maniera del Toro. In realtà la Terra le dà il buon senso mentre Mercurio la provvede di un’intelligenza insolitamente acuta. Le due cose insieme fanno sì che la Vergine sappia disciplinarsi sia nel pensiero sia nell’azione. Gerolamo Cardano, il famoso medico, matematico e astrologo italiano del XVI secolo, fu ben lieto di avere Mercurio nel suo Oroscopo; Marte, diceva, influenzava maleficamente i due Luminari, e se non si fosse verificata a 29° della Vergine, dove domina Mercurio, la Congiunzione avrebbe fatto di lui un mostro.
Si noti: la Vergine è un Segno umano.
E’ il Segno dei critici e degli operai, non dei creatori o dei condottieri. Luigi XIV ebbe, è vero, il Sole in Vergine, ma apparteneva al Leone, data la posizione degli altri Pianeti al momento della sua nascita. Ma la Vergine è il segno della Svizzera, ma anche di Parigi e dei gatti (perché sono così puliti, non c’è dubbio!). Gli Astrologi assegnano Tolstoj alla Vergine perché aveva in quel Segno non solo Mercurio, ma anche la Luna.

Luna in Vergine!

Volendo sintetizzare le caratteristiche di questa Luna, si può dire che è tipica del particolare, delle piccole cose che caratterizzano il quotidiano di ogni giorno. Vi è una sorta di contraddizione tra la sensibilità tipicamente lunare e la tendenza al self control e alla moderazione, tipici dei significati virginali.
Sogno ed illusione si confrontano con la realtà, frantumano il vissuto di ogni giorno, faticano ad inquadrare le cose in generale, a vantaggio del particolare. Succede a volte, a chi è nato con la Luna in Vergine, di tendere a sentirsi meno valido, più piccolo di quanto non sia in realtà, una sorta di autolesionismo che può essere apprezzato come modestia, ma non come competitività.
Nascono caratteristiche come pudore, timidezza, modestia, annullamento di sé al servizio degli altri. E’ la Luna adatta ai critici, e nei Temi femminili può accadere che non sappia farsi amare nel modo giusto, in quanto non si ama adeguatamente essa stessa.

Entriamo a passi felpati nel mondo Virginiano!

Vergine69.jpgLa vita sentimentale non è sempre molto felice; vi è in loro troppa attrazione per le cose che implicano un sacrificio, ed è raro che una nata sotto questo Segno sia priva di complicazioni, sofferenze e difficoltà. Anzi, spesso, sono loro stesse che, subconsciamente, cercano persone o s’immischiano in avvenimenti che procurano dolori sia materiali che mentali.
Non hanno molti figli; il più delle volte essi sono di carattere assai differente da quello dei genitori, i quali, per questo motivo, si preoccupano anche eccessivamente. Tale atteggiamento può creare risentimento nei figli.
Semplici nel vestire, nulla in loro è audace o eccentrico. Ama abbigliarsi in modo classico e ritiene che l’eleganza stia nella semplicità.
Il colore che appartiene a questo Segno è il bianco che degrada al grigio chiaro e al rosso tenero nelle variazioni fino al viola. Le pietre sono: Topazio, opale, tormalina.
L’uomo della Vergine si distingue per l’accuratezza nel vestire e per la cura del corpo. Spesso però, per la troppa autoanalisi, non è di carattere allegro.