12 Rooms: il talento meraviglioso di Ezio Bosso

Ezio Bosso 01.pngMolti di noi hanno assistito con commozione mercoledì sera al piccolo concerto di piano che il grande compositore Ezio Bosso (nato a Torino nel segno della Vergine nel 1971) ha eseguito, con il titolo 'Following the bird'. Da alcuni anni malato di SLA, il suo talento raffinato è conosciuto in tutto il mondo. Ecco il suo pensiero sulle 12 stanze, titolo del suo primo CD, possiamo coglierne molti richiami alle 12 Case del nostro oroscopo di nascita!

“Si dice che la vita sia composta da 12 stanze. 12 stanze in cui lasceremo qualcosa di noi che ci ricorderanno. 12 le stanze che ricorderemo quando saremo arrivati all’ultima. Nessuno può ricordare la prima stanza dove è stato, ma pare che questo accada nell’ultima che raggiungeremo.

Stanza, significa fermarsi, ma significa anche affermarsi. “La libertà che riprende stanza” è un modo dire.
Quando abbiamo trovato finalmente un posto dove fermarci abbiamo inventato le stanze. E gli abbiamo dato nomi, numeri e significati. La stanza dei giochi. La stanza della musica. le stanze della memoria. Sono infinite le stanze. Ma non ci pensiamo mai.
Sono così comuni nella nostra vita che le releghiamo ad essere vane chiamandole vani.
Poi ci sono le stanze con un carattere. Le stanze della gioia o del dolore. E stanze in cui rifugiarsi e quelle in cui recludersi.
Per ogni stanza che percorriamo apriremo una porta che ci porterà dentro e fuori da esse.
Le stanze sono vuote o piene e siamo noi a deciderlo. Come se le nutrissimo.
Ho dovuto percorrere stanze immaginarie, per necessità. Perché nella mia vita ho dei momenti in cui entro in una stanza che non mi è molto simpatica detto sinceramente.
E’ una stanza in cui mi ritrovo bloccato per lunghi periodi, una stanza che diventa buia, piccolissima eppure immensa e impossibile da percorrere. Nei periodi in cui sono lì ho dei momenti dove mi sembra che non ne uscirò mai.
A volte si trova in un ospedale a volte a casa ma diventa sempre la stessa stanza. E’ una stanza talmente buia che anche gli affetti fanno fatica ad entrarci. Lo avverto, me lo hanno detto.
Ma anche lei mi ha regalato qualcosa, mi ha incuriosito, mi ha ricordato la mia fortuna. Mi ha fatto giocare con lei. Mi ha fatto cercare il significato di stanza, mi ha fatto incontrare storie di stanze. E delle stanze dentro al lavoro degli uomini. Che ne condizionano le scelte o ispirano loro malgrado. Quasi tutte le creazioni dell’uomo avvengono in una stanza. Che la vita quindi non è un tempo ma uno spazio. Infinito.
E mi ha fatto ridisegnare il concetto di stanza.
La mia stanza antipatica mi ha insegnato che Chopin scrisse i suoi Preludi dopo che avevano bruciato la sua stanza a Mallorca, che Cage compose stanze, che Bach fu il primo compositore ufficiale di stanze. Lo sapevate che le canzoni prima si chiamavano stanze? Si, perché la stanza è anche una poesia.
E poi che Orfeo entrò nelle stanze internali per fare il patto, che Rachmaninov si chiuse in una stanza e ne uscì suonando un brano di Sgambati su Orfeo e altro ancora.
E così ho imparato a inventare stanze da percorrere e mi ha dato la possibilità di scrivere queste 12 stanze nascoste, di costruirle. Mi ha fatto diventare oltre che compositore meteorologo, compositore pneumologo o compositore oceanografo anche un compositore carpentiere”.

12 rooms – piano solo
Ezio Bosso
WWW.EZIOBOSSO.COM