Il Tema di Concepimento

Risale agli ultimi decenni del secolo XIX e ai primi del XX la vasta bibliografia relativa al cosiddetto Tema di Concepimento.
Sbaglierebbe chi pensasse che si tratta di un grafico zodiacale per il giorno e l’ora in cui il padre e la madre hanno avuto il rapporto sessuale dal quale inizia la gravidanza. Prima di tutto per motivi scientifici: si sa che l’annidamento dell’ovulo avviene spesso in tempo posteriori rispetto al coito, oggi si precisa questo tempo in un massimo di 48 ore circa. Tra gli studiosi che si sono occupati dell’Oroscopo di Concepimento vi sono Bailey (omonimo per cognome della teosofa Alice) e Sepharial all’inizio del secolo XX, autori di prestigio ancora oggi conosciuti ed apprezzati. Il lavoro di Bailey, ripreso nel 1974, era stato pubblicato nella sua prima versione nel 1916.

... E le predizioni della Luna!

Luna 015.jpgL’osservazione dell’azione della Luna sulla terra risale alla più lontana preistoria.
Le rivoluzioni del Sole e della Luna, l’alternarsi del giorno e della notte, la fasi della Luna, le eclissi, furono non solo notate, ma si cercò abbastanza presto di arrivare a determinare un ‘calendario’ dei loro comportamenti.
I due Solstizi, cioè il giorno più lungo e quello più corto, erano stati determinati almeno fin dall’età del bronzo; le culture megalitiche preistoriche dimostrano, dall’esame dei monumenti lasciatici, una relativamente profonda conoscenza dei fenomeni celesti. Sulle tombe dell’età del bronzo è frequente il simbolo solare e lunare; anche sui megaliti sono stati trovati.

Curiosità interpretative: Zodiaco&Lavoro!

Ci capita spesso di ascoltare frasi di questo genere: ‘Se avessi fatto il giornalista anziché il ragioniere, il medico invece dell’avvocato’, e così via. Pur tenendo presente che in genere siamo istintivamente insoddisfatti della vita che conduciamo, in quanto ciò fa parte della natura umana, è bene non sottovalutare questo stato di insoddisfazione e di insofferenza al lavoro quotidiano perché un’attività inadeguata alle nostre attitudini, al nostro carattere, al nostro temperamento, un ambiente di lavoro che contrasta con i nostri gusti possono avere ripercussioni molto profonde sull’insieme dell’esistenza nostra e su quella dei nostri familiari.

La polvere d'oro di Cenerentola!

/Cenerentola.jpgLa fiaba di Cenerentola comincia con un mesto viatico. La madre sta morendo e raccomanda all’unica figlioletta di essere docile e buona: ‘Io ti guiderò dal cielo e ti starò vicina. ’
Cenerentola tornerà spesso sulla tomba della madre, stabilendo un rapporto da questo all’altro mondo, come Kore con Demetra.
La madre è il sole minerale, l’oro nascente, lo zolfo alchemico che discende nella materia e vi genera il minuscolo embrione minerale, l’abitante segreto del sottosuolo. Abbandonata dalla madre, la piccina dovrà penare a lungo per uscire dalla sua oscura custodia, alchemicamente dalla ‘focaccia del re. ’
Segregata dal mondo, è, nel racconto dei Grimm, relegata in un sotterraneo, accanto al fuoco, tra la cenere. Ella è come la roccia grezza, che corrisponde, nel quadro che andiamo tracciando, allo zolfo di miniera, rivestita di una palandrana grigia (Grimm) o si poveri abitucci (Perrault) che la pongono nel tipo del giovane ricoperto dal pelo, piuttosto che in quello della bella addormentata. In effetti lo zolfo di miniera, combinato con vari metalli, svolge la parte dell’elemento attivo, maschile.
La bimbetta condannata all’oscurità sotterranea e al duro lavoro ricorda, oltre alla pietra sulfurea trascinata all’aperto, i malcapitati fanciulli che a questo trascinamento erano forzati: i carusi.