Un altro giro di giostra!

Terzani.jpgIl Swami si fermò, come avesse avuto un ripensamento. Prese un pezzo di carta, una penna: ‘Dimmi la tua data di nascita, il luogo e l’ora esatta. ‘
Si accorse subito che dinanzi a quella domanda ero rimasto interdetto e aggiunse: ‘non sono un vero astrologo, ma mi interesso all’Astrologia spirituale’.
‘E cos’è? ’, chiesi.
‘E’ un modo per capire la predisposizione spirituale delle persone’, rispose il Swami.
‘Sai, non bastano le buone intenzioni. E visto che ti sei messo sulla via della ricerca, sarà bene che dia un’occhiata al tuo oroscopo spirituale’.
Ovviamente era una sorta di esame. Era questa la tradizione: l’eventuale discepolo andava studiato bene, era necessario osservare il suo modo di camminare, di mangiare e persino di digerire. Il suo corpo andava esaminato per vedere se aveva o meno i segni divini di una predisposizione spirituale.
Il Swami ricorreva all’oroscopo, ma lo scopo era lo stesso, rendersi conto se valeva la pena investire le sue energie di insegnante su di me.

Il Swami chiamò un assistente e gli dette il foglio con tutti i dettagli sulla mia nascita. Quando la porta della stanzina si aprì sentii il brusio della gente che era là per terra ad aspettarlo e mi alzai per andarmene.
No, lui voleva continuare a parlare d’India, di politica, del conflitto Kashmir.
Ma io ero a disagio. Sentivo la pressione di quei suoi fedelissimi. Il Swami rispose con una frase che fu determinante nel mio rapporto con lui: ‘Io non ho più bisogno di tempo’, disse.
‘Ho già fatto tutto quel che volevo fare. Il tempo che mi resta è tempo pubblico. Anche tu ti stai avvicinando all’età in cui il tempo che hai puoi dedicarlo agli altri’.
Dio mio, se mi sarebbe piaciuto!
Ma ne ero così lontano….
La sera aspettai che i compagni del corso di yoga fossero tutti tornati al loro bungalow per scivolare via dal mio verso quello del Swami. Ai piedi delle scale di legno dove lasciai le mie scarpe non ce n’erano altre. Il Swami era solo, seduto nella sua poltrona. Stava leggendo: ‘Perfetto. Perfetto. Questo è un bell’oroscopo’, disse vedendomi e indicando il tabulato del computer in cui, anno per anno, era riassunta tutta la mia vita in relazione ai vari pianeti. Sorrideva. Era contento di darmi ‘la bella notizia’: ‘Tu sei nato senza ombre. Sei nato senza alcun peso delle vite precedenti e questo di rende adattissimo alla vita spirituale. Puoi persino diventare una guida spirituale. Tutto torna. Non hai mai fatto nulla per fini materiali e così puoi ora perseguire la liberazione definitiva. ‘

Tiziano Terzani, Un altro giro di giostra - Viaggio nel male e nel bene del nostro tempo, Edizioni Longanesi